Home teatro La morte della bellezza, il racconto di una passione proibita nella Napoli...

La morte della bellezza, il racconto di una passione proibita nella Napoli della guerra

1170

La morte della bellezza di Giuseppe Patroni Griffi, è un romanzo classico e storico. E’ la vicenda di un amore omosessuale fra due giovani, sullo sfondo di una Napoli in piena guerra e sotto i bombardamenti aerei; amore sensuale e sentimentale, controverso e negato, che l’atmosfera crudele e incantata di una città fatale rende simbolico come le fiamme che la esaltano e distruggono. Emerge il conflitto fra l’educazione sentimentale e la celata omosessualità del sedicenne Eugenio che, insidiato dal giovane tedesco Lilandt, prima lo rifiuta e poi si getta impetuosamente in un legame amoroso.

Cinque leggii sono l’unica scenografia, resi viventi da un accordo di morbide e graffianti voci che illuminano il palcoscenico. Qui il soggetto non è soltanto quello dichiarato in prima battuta Com’era bella Napoli quaranta anni fa, ma anche l’omosessualità, che lo scrittore-regista narra con cenni insoliti e coraggiosi, afferrati nella sua intrinseca e naturale inclinazione scenica dal riadattamento di Nadia Baldi.

TEATRO DEI CONCIATORI – Via dei conciatori, 5 – 00154 ROMA

12 | 24 gennaio 2016

 Ore 21

domenica ore 18

LA MORTE DELLA BELLEZZA

Oratorio Profano per Giuseppe Patroni Griffi

 

di G. Patroni Griffi

 

spettacolo-concerto  di NADIA BALDI