Home life style cinema Il cinema di Wim Wenders al Casale della Cervelletta

Il cinema di Wim Wenders al Casale della Cervelletta

202
Sullo schermo della Cervelletta arriva Wim Wenders, cineasta tedesco acclamato e adorato dalla critica internazionale, nonché Orso d’oro alla carriera alla Berlinale 2015.

L’evento è in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania Roma.

  • 17 giugno, ALICE NELLE CITTÀ (1974, 113 min): Philip Winter, un fotografo tormentato, ritorna a New York dopo quattro settimane di reportage fotografici dedicati allo studio dei paesaggi nordamericani, e si mette alla ricerca dei nonni di un bambino lasciato alle sue cure.

 

  • 19 giugno, FALSO MOVIMENTO (1975, 103 min): Wilhelm Meister lascia il paese per conoscere la Germania e diventare uno scrittore. Lungo la strada, il giovane fa una serie di incontri, ma il suo viaggio verso sud termina in solitaria sulla Zugspitze.

 

  • 26 giugno, L’AMICO AMERICANO (1977, 128 min): Tratto dal romanzo Ripley’s Game (1974) di Patricia Highsmith. Un trafficante di quadri induce un pacifico corniciaio leucemico a uccidere un uomo nella metropolitana di Parigi. I due però diventano amici e questo manderà all’aria i piani dell’organizzazione malavitosa.

 

  • 3 luglio, IL CIELO SOPRA BERLINO (1987, 130 min): Palma d’oro a Cannes per la miglior regia, questo film è il manifesto artistico di Wenders. La storia di due angeli, Damiel e Cassiel che, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, si aggirano per Berlino con lo scopo di ascoltare i pensieri dei vivi. Uno di loro si affeziona particolarmente alla condizione umana, sentendo fortemente l’attrazione esercitata dalla città e dalla sua stessa gente.

 

  • 10 luglio, WIM WENDERS presenta in video – collegamento PARIS, TEXAS (1984, 150 min): Travis ricompare dopo quattro anni di volontario isolamento e cerca di ricostruire i rapporti col figlioletto di otto anni che quasi non conosce e con la moglie Kinski della quale però ha completamente perso le tracce. Una delle opere più amate di Wenders.

 

  • 17 luglio, BUENA VISTA SOCIAL CLUB (1998, 97 min): Il musicista Ry Cooder, invitato da Wenders, va alla scoperta dei musicisti del Buena Vista Social Club di Havana. I talenti che ospitava sono grandi artisti, sconosciuti al grande pubblico. Il regista col suo stile rigoroso, reale-espressionista, racconta la loro storia, lunga, misera e magnifica.

 

  • 24 luglio, PAPA FRANCESCO – UN UOMO DI PAROLA (2018, 96 min): Papa Francesco risponde alle domande provenienti dal mondo globalizzato di oggi, esprimendo profonda preoccupazione per i poveri e le disuguaglianze sociali che minano la pace.

 

Wim Wenders è un amante della lentezza narrativa, rispettoso dei tempi delle storie e di quelli dei suoi personaggi. Le storie di Wenders hanno spesso preso lo spunto da episodi talora anche banali, ma la dimensione personale e intimistica è una caratteristica dei suoi film. Quell’angelo che diventa uomo e cade sulla terra è l’essenza del cinema e della sua potenza. Il linguaggio di Wenders è fortemente espressionista e diventa un testimone chiave nella narrazione della Germania post-bellica o dell’America ormai decadente.