Home mostre contemporanea Todi, omaggio alla Germania con le Azioni Video di Joseph Beuys

Todi, omaggio alla Germania con le Azioni Video di Joseph Beuys

4388

Nel quadro del Todi Festival 2015, che si apre il 21 agosto e che ha scelto la Germania come ospite d’onore nel 25esimo anniversario della sua riunificazione, le opere dell’artista tedesco Joseph Beuys saranno esposte nella cittadina umbra in provincia di Perugia. Una sezione di arte contemporanea, curata da Damiano Kounellis, raccoglierà lavori di Beuys, un’installazione di Valentina Palazzari e fotografie di Claudio Abate. Il 22 agosto alle 12 l’inaugurazione nella Sala del Capitano. Il Todi Festival si conferma così terreno fertile per l’arte contemporanea. Joseph Beuys rappresenta la punta di diamante dell’arte contemporanea tedesca ed europea. Il suo immenso talento è riconosciuto a livello mondiale e le sue opere sono permanentemente esposte al Moma di New York, alla Tate Gallery di Londra e nei musei più importanti. Esse accompagnano la rinascita della Germania postguerra ed è enorme l’attenzione per le sue installazioni, le sue azioni concettuali, le performance sociali. La sua arte, tesa a stimolare la coscienza dell’osservatore, rievoca e si riconnette alle parole di Goethe “una volta assicurata l’esistenza, l’uomo è creativo”. All’interno della mostra verrà esposto anche il famoso Vestito terremoto realizzato direttamente da Beuys sul vestito del grande gallerista napoletano Lucio Amelio che, proprio a seguito del terremoto di Napoli del 1980, coinvolse oltre 50 tra i piu’ importanti artisti internazionali in una collezione – mostra intitolata Terrae motus – con opere che avevano appunto come tema il terrremoto. Lucio Amelio oltre a Beuys riuscì a raccogliere intorno a sé a Napoli i più grandi artisti della sua epoca, da Andy Warhol a Robert Raushemberg, Mario Merz, Jannis Kounellis, Cy Twombly. I lavori esposti nel Pianeta Beuys faranno da cornice all’incontro in cui interverranno il critico Bruno Corà, direttore della Fondazione Burri e il professor Italo Tomassoni, artefice dell’incontro alla Rocca Paolina di Perugia nel 1980 fra Alberto Burri e Beuys. Saranno inoltre proiettate alcune delle sue celebri Azioni Video e il film documentario Diagramma terremoto per la regia di Mario Franco. Alcune storiche fotografie di Claudio Abate presenteranno il lavoro dell’artista tedesco, coprendo gran parte della sua parabola creativa. Valentina Palazzari realizzerà, invece, la grande installazione Berlino: il muro dei muri a cura di Davide Sarchioni. L’installazione, in acciaio, sarà presentata in Piazza del Popolo per celebrare il venticinquesimo anniversario dalla caduta del muro ma anche – spiegano gli organizzatori – per denunciare come oggi siano ancora in piedi tanti muri, simboli tangibili di tensioni tra paesi ed etnie.