Home teatro Al Teatro Orologio la divinità 2.0 e il grande assente, la domanda...

Al Teatro Orologio la divinità 2.0 e il grande assente, la domanda che cerca ancora una risposta

1238

“Riuscite a vedere la mia luce? Siete voi ad aver riposto sul mio capo la corona che indosso. Avete ancora il dono di ammirare nel gesto lento della mia mano che carezza il mio corpo, un motivo in più per essere presenti al mondo? Io e voi vaghiamo come esseri congelati ed è la vostra lotta che eternamente mi riscalda. Così io mi proclamerò ancora una volta dio del mondo.”

 

L’amore è ormai trascorso; dimenticato da secoli dall’uomo, ha abbandonato il mondo. L’essere umano si è estinto insieme a lui e il mondo adesso è regolato soltanto dalla natura.  Nessun Dio viene più invocato da tempo. Tutto intorno è erba e terra.  È qui che vivono dimenticati gli ultimi due superstiti del genere umano, come resti abbandonati di un’umanità corrotta. Immense coscienti solitudini schiacciate dal vuoto di un’attesa consapevole che nulla accadrà, dimenticate dalla morte stessa, sotto il peso di un egotismo millenario che le immobilizza dentro la loro più autentica contraddizione: per sempre predisposte all’infelicità e incapaci al suicidio. Così la loro cristallizzata condizione contiene il germe dell’unica possibilità di mutamento: sono uomo e donna; sono in potenza il concepimento di un’altra infelicità, genitori di un’ennesima solitudine nella disperata possibilità di alleggerire il cadavere del vuoto dal peso della vita, riconsegnando l’uomo alla terra per autoproclamarsi ancora una volta divinità del mondo.  Ma un nuovo dio non ci sarà e soltanto la morte si potrà trasformare nell’ultimo e unico atto d’amore.

YESUS CHRISTO VOGUE è un indagine aperta sul cristianesimo e sul rapporto tra finito infinito.

YESUS CHRISTO VOGUE racconta del desiderio di autodeterminazione e del mutevole e conflittuale rapporto tra uomo e mondo.

YESUS CHRISTO VOGUE incarna il “grande assente”, la divinità 2.0: l’assoluto e il divino lungamente atteso che coincide con l’essere umano stesso. Così, il grande assente adesso è l’uomo, è Yesus Christo Vogue.

YESUS CHRISTO VOGUE è il tentativo di descrivere un particolare momento del processo di ricerca spirituale: la crisi.

YESUS CHRISTO VOGUE rappresenta un viaggio dentro la continua ricerca spirituale.

DEBUTTO NAZIONALE dal 16 al 26 marzo • Teatro Orologio, ROMA