Home libri “Roma Nord”, amaro romanzo sulla decadenza di un’idea di borghesia

“Roma Nord”, amaro romanzo sulla decadenza di un’idea di borghesia

2690

Si può scrivere un romanzo su quello che a conti fatti non è neppure un quartiere in senso proprio, e neppure un Municipio sotto il profilo amministrativo? Perché Roma Nord alla fine è anche una somma di quartieri, si può tracciarne i confini su una mappa, anche se questi confini sono labili e per molti versi soggettivi. Ma Roma Nord è soprattutto un’idea, un concetto di Roma che i suoi abitanti amano nonostante la pessima fama mediatica, della quale sono protagonisti e vittime al tempo stesso. E quest’affresco decadente di una Roma da generone e ambasciate, che si dibatte tra baby prostitute, malavita organizzata in blazer, personaggi da film di Vanzina, truffatori di vip, impiegati pubblici, professionisti rampanti, famiglie decadute, panamini, euclidi e cigni, ponti molli, minicar, scooteroni e suv, con un solo cinema – da quanti erano – e tante terrazze, non poteva che scriverlo, senza veli e ipocrisie, un’autrice come Elena Guerri dall’Oro, che a Roma Nord vive da sempre e non sembra avere alcuna intenzione di rinunciare all’idea, in fondo consolante, che essere borghesi non è una malattia, ma uno stile di vita e una opportunità. Tanto, per dire, a Roma si spaccia anche altrove, e prostitute e truffatori sono trasversali. C’è una punta di lieve amarezza in Roma Nord (Palombi), riuscito romanzo d’esordio, e si capisce perchè. I Tabacci, i Giannini e i Teodori sono le tre famiglie protagoniste del romanzo, che vivono negli eleganti quartieri di Parioli, Fleming e Olgiata. La buona borghesia che la abita è in crisi profonda, anch’essa messa in saldo, tra recessione, valori travolti e collasso politico e deve per la prima volta confrontarsi con lo sgretolamento delle proprie regole e certezze, mentre tutt’intorno nulla è più uguale a prima. Roma Nord è un romanzo drammatico, che racconta le vicende di una decadente borghesia, all’apparenza ancora solida, ma nella realtà sbandata dal nuovo che avanza inesorabilmente. Il loro mondo è cambiato a una velocità che li ha trovati impreparati: la crisi economica, vetrina di una più sotterranea e profonda crisi di valori, li ha colpiti in faccia, lasciandoli tramortiti e increduli come un pugile suonato nell’angolo del ring. Le tragedie si alterneranno alla felicità, le pagine buie a quelle rosa, perché così è fatta la vita. Quello che però stavolta appare diverso è il substrato esiziale di logoramento di questa generazione a cavallo dei due millenni, preda cosciente e non, di consumismo, giovanilismo, individualismo e mancanza di “Dio, Patria e Famiglia”. Essi sembrano grottescamente danzare mentre la musica si è ormai interrotta, aggrappati a un eco edonista che si ostinano a non abbandonare, mentre ognuno di loro verrà posto, in modo diverso, di fronte a nuove prove, impensabili fino al giorno prima.

Info: www.palombieditori.it